Scuola di specializzazione in psicoterapia

a orientamento psicoanalitico lacaniano

Università Popolare di Psicoanalisi Jacques Lacan - UFORCA

Istituto abilitato ai sensi Art. 3 L. 56/89 - D.M. 31.12.93 - G.U. n. 19 del 25.1.94; adeguamento D.D. 25.5.01 - G.U. n. 160 del 12.7.01 - DIRETTORE SCIENTIFICO: JACQUES-ALAIN MILLER - PRESIDENTE: ANTONIO DI CIACCIA

Sezioni cliniche » Antenna Venezia

Tema dell'anno:

Il desiderio e la sua interpretazione

Il Seminario VI di Jacques Lacan Il desiderio e la sua interpretazione esplora un sentimento universale dell’essere umano: il desiderio. Non si tratta di una poetica o di una forma letteraria, per la psicoanalisi il desiderio, al singolare, nasce dalla mancanza, mancanza ad essere, mancanza di un oggetto che possa colmare questo buco originario che sta al cuore di ciascuno. Desiderio di unione, perché, fin dall’origine, l’oggetto è perduto, e la sua ricerca non è che il “motore immobile” vitale e
soggettivo. La sua struttura per definizione è impossibile, l’oggetto è anteriore al soggetto; perciò il desiderio rincorre l’oggetto come il riflesso del sole sulle onde del mare, è imprendibile. Il desiderio spinge all’azione, alla quête, al godimento, ma anche può inibire, bloccare le scelte radicali come per l’Amleto di Shakespeare a cui il seminario dedica una gran parte: illustrazione dei meccanismi inconsci della nevrosi e paradigma della fine del mito dell’eroe. In questa aspirazione al godimento, lungo le peripezie del soggetto con il suo desiderio, non si incontrano che pezzi di oggetto che non colmano e non soddisfano totalmente. Accettare la soddisfazione parziale, inventarsi un aggiustamento singolare, è il bricolage di un fantasma e il lavoro di sublimazione, che insieme possano sostenere le prove scabrose dell’esistenza contemporanea. L’esperienza del desiderio attiene e accompagna anche gli eccessi oscuri del reale del corpo; la pretesa di una psicoanalisi lungimirante, di una lettura capace, convoca non all’adattamento, ma al saperci fare con il sintomo, promuove una pacificazione o addirittura può trasformare un trauma in esercizio d’arte.

Testo di riferimento

J. Lacan, Il Seminario. Libro VI. Il desiderio e la sua interpretazione, 1958-1959, Einaudi

Segreteria organizzativa

tel: 041 5204588
E-mail: antennavenezia@istitutofreudiano.it

Commissione di coordinamento

ANTONIO DI CIACCIA, Presidente dell’Istituto freudiano
ADRIANA MONSELESAN, Coordinatrice

Iscrizione

La domanda di ammissione va inviata entro il 31 ottobre 2016 alla Segreteria organizzativa. L'iscrizione risulterà effettiva dopo l'accettazione della domanda e il pagamento della quota di iscrizione.

Quota Intera: € 100,00
Quota Studenti: € 50,00


Modulo di iscrizione

Compila il seguente modulo per inviare la tua richiesta di iscrizione alla Sezione/Antenna scelta.

Sono previsti colloqui di ammissione. L'iscrizione risulterà  effettiva dopo l'accettazione della domanda e il pagamento della quota.

Il Seminario prevede la discussione di casi clinici presentati dagli Allievi e dai partecipanti dell’Antenna.

19 Novembre 2016

Docente invitato: Massimo Termini
Introduce: Adriana Monselesan

14 Gennaio 2017

Docente invitato: Luisella Brusa
Introduce: Brigitte Laffay

11 Marzo 2017

Docente invitato: Marie-Hélène Brousse
Introduce: Emanuela Scattolin

25 Marzo 2017

Docente invitato: Marco Focchi
Introduce: Michela Zanella

6 Maggio 2017

Docente invitato: Antonella Del Monaco
Introduce: Chiara Mangiarotti

20 Maggio 2017

Docente invitato: Paola Francesconi
Introduce: Giuliana Grando

Orario

10:00 - 15:00

Luogo

Casa Sant' Andrea, fondamenta S. Chiara 495 - Venezia