Scuola di specializzazione in psicoterapia

a orientamento psicoanalitico lacaniano

Università Popolare di Psicoanalisi Jacques Lacan - UFORCA

Istituto abilitato ai sensi Art. 3 L. 56/89 - D.M. 31.12.93 - G.U. n. 19 del 25.1.94; adeguamento D.D. 25.5.01 - G.U. n. 160 del 12.7.01 - DIRETTORE SCIENTIFICO: JACQUES-ALAIN MILLER - PRESIDENTE: ANTONIO DI CIACCIA

Le parvenze e il corpo

Roma
Venerdì, 22 Settembre, 2017 - 20:30 - 22:30

Presentazione del libro

Le parvenze e il corpo di Marco Focchi
(Casa Editrice Antigone)

con Antonio Di Ciaccia, psicoanalista SLP, presidente IF e Marco Focchi, psicoanalista SLP, direttore IF sede di Milano

Coordina

Sabrina Di Cioccio, responsabile Biblioteca SLP - segreteria di Roma

INGRESSO LIBERO sino a esaurimento posti disponibili

Luogo

Istituto freudiano
via Palestro 30
Roma

Info

Tel. 06 6786703
Email: segreteria@istitutofreudiano.it

La psicoanalisi non è come la medicina, dove il paziente riceve una prescrizione da applicare, dei dosaggi da assumere, delle diete da seguire, degli esercizi da mettere in pratica. Dallo studio medico si esce con un'indicazione definita, perchè la lamentela riguarda una porzione circoscritta del corpo. La psicoanalisi invece entra nei serpeggiamenti dell'esistenza, investe il sesso, le angosce, gli amori e gli odi, e si capisce bene che non ci siano ricette subito disponibili, istruzioni chiare per risolvere i quesiti che la vita pone a ogni essere umano. Il sesso, l'amore, l'inconscio non sono sensibili al metodo della scienza, e la guarigione non viene dall'applicazione di un premeditato piano terapeutico.
Non c'è una ricetta per guarire, ma un "trucco".
E' Lacan che ne parla: lo psicoanalista, attraverso l'esperienza, riesce a sussurrare al paziente qualcosa che è in grado di indurlo a guarire. Non è il trucco del prestigiatore, non è un particolare gioco di abilità. Bisogna che le parole tocchino la carne, mettano in gioco il corpo, facciano emergere il reale dell'esistenza. A volte ci vuole molto tempo, altre volte è sorprendentemente rapido, come nei momenti rari in cui la vita, improvvisamente e bruscamente, mantiene le sue promesse.
In questo libro, Marco Focchi mostra la fruibilità clinica di testi lacaniani abitualmente considerati soprattutto nel loro valore teorico, e propone per la psicoanalisi una prospettiva terapeutica diversa da quella che, mimando la medicina si impone di sopprimere il sintomo e, così facendo, si condanna all'impotenza.